CasaElastico_03.jpg

Partiti da un tipico e spazioso appartamento torinese, la vecchia casa del nonno con materiali e finiture se ben studiate oramai datate nel tempo, casa elastico nasce attraverso un importante restyling interno con la realizzazione di piccoli interventi planimetrici per sfruttare al massimo gli spazi con i suoi vuoti e pieni attraverso i colori, i rivestimenti, luci e quadri della nuova proprietà. A occuparsi dell’intervento l’Architetto Matteo Francesco Muscas, dello studio Inedito Architetti, che nei suoi vari progetti ha fatto dell’utilizzo dei colori puntuali una sua firma progettuale, un punto di riconoscimento. La committenza, una famiglia con 3 figli, con specifiche esigenze estetiche e di funzione degli spazi che hanno aiutato, e non poco, alla riuscita del progetto. 

 

L’intero appartamento è caratterizzato dal nuovo aspetto estetico e funzionale dato al muro portante dell’intero edificio che divide in pianta l’appartamento in due parti, sia al piano terreno sia al piano mansardato. Caratterizzato da un’avvolgente tinta blu di Prussia (o Berlino), la muratura che separa la zona salotto dalla zona corridoio di tutti gli altri ambienti, accoglie un nuovo volume in legno, studiato e disegnato dall’Architetto, in grado di separare gli ambienti in maniera netta e decisa. La singolare soluzione, un’armadiatura in legno mimetizzata dallo stesso punto di blu del muro, ospita una credenza e libreria a tutta altezza con l’intervallarsi di due porte a raso che permettono l’accesso verso il salotto. Dall’interno del salotto, spazio occupato un grande divano double face, l’ambiente sembra essere confinato e delimitato in quanto le ante delle armadiature illudono il visitatore di essere in monolocale. Con l’apertura delle porte, mimetizzate e disegnate come le ante del nuovo volume, lo spazio si apre verso la scoperta dell’appartamento. Una soluzione estetica quanto tecnica, banale ma ricercata, originale. L’appartamento è un armonioso integrarsi di elementi nuovi e recuperati, posizionati accuratamente per ripercorrere una storia, quella della famiglia; da piccoli oggetti di design, quadri e mobili restaurati e riportati a nuova vita attraverso colori e dettagli contemporanei. 

 

Percorrendo la rampa di scale, in legno e sospese nella muratura portante, si raggiunge la zona mansardata dedicata completamente ai ragazzi. La zona comune alle stanze è caratterizzata da uno spazio a doppia altezza con affaccio verso l’ingresso, che è stata “chiusa” attraverso l’installazione di una rete da catamarano con l’intento di creare uno spazio giochi e di relax per i ragazzi e non solo. 

CASA ELASTICO

APPARTAMENTO PRIVATO

Progetto di

INEDITO Architetti

A cura di

Arch. Matteo Francesco MUSCAS

___

Tipologia

Architettura, Residenziale

Ristrutturazione e Interior Design

150 mq

Committente

Privato

Luogo

Torino, Italia

Stato

Realizzato, 2022

Fotografia

Francesca Cirilli

CasaElastico_07.jpg
CasaElastico_03.jpg
CasaElastico_01.jpg
CasaElastico_02.jpg
CasaElastico_08.jpg
CasaElastico_27.jpg
CasaElastico_07.jpg
CasaElastico_09.jpg
CasaElastico_13.jpg
CasaElastico_05.jpg
CasaElastico_14.jpg
CasaElastico_25.jpg
CasaElastico_11.jpg
CasaElastico_30.jpg
CasaElastico_17.jpg
CasaElastico_24.jpg
CasaElastico_21.jpg
CasaElastico_28.jpg
CasaElastico_26.jpg